Se la vita avesse un paio d’ali

Eccomi, dopo anni di assenza Oggi vorrei parlare di resistenza. o meglio: una volta un amico mi ha parlato del concetto di “resilienza” che sarebbe, in soldoni, non tanto la capacità di resistere, quanto di adattarsi, di flettersi, ai  cambiamenti. Lui in merito scrisse un saggio, parlando dei bambini ebrei “nascosti” durante la guerra e della loro capacità di adattamento … Continua a leggere

riassumiamo i giorni mancanti

Buonasera a tutti, Sono mancata un po’ perché non riuscivo a trovare campo per connettermi. Durante questo buio la barchetta sulla quale mi trovo ha fatto rotta a Filicudi (lì, appunto, è iniziato il silenzio radar) e Alicudi, vere isolette selvagge e, per questo affascinanti. Non sono di plastica come Panarea e lì i turisti sembrano persone VERE, perfino un … Continua a leggere

W Milano

Oggi voglio cantare un’ode a Milano. Sembra strano, lo so. Soprattutto da parte di una che ci è vissuta e ci vive suo malgrado. Il fatto è questo: è vero, Milano è una città molto brutta, secondo me, molto impersonale, le persone sono spesso gratuitamente sgarbate. Però esiste una qualità che ci rende superiori a tutte quante le altre città … Continua a leggere

Notte agghiacciante

Quella tra ieri e oggi è stata una nottata terribile. Il capitano è fissato con l’attracco in baiette dimenticate da Dio. Questa notte è toccato ad una zona vicina all’isolotto di Basiluzzo, a Panarea. Non è esattamente una caletta riparata. Quando siamo arrivati, nel pomeriggio di ieri, era piena di barche. Poi, dopo il tramonto, tutti sono andati via per … Continua a leggere

Panarea ti voglio bene

Confermo: lui è dottor Jekyll. Anche oggi la giornata ha avuto lo stesso andamento che avevo già descritto: tanto per cominciare, come al solito, il bimbo si è svegliato alle otto meno un quarto. Aiuto, ma come diavolo fa a svegliarsi tanto presto! Naturalmente si era già svegliato, più o meno alle cinque, e urlava come un ossesso, mentre il … Continua a leggere

Dottor Jekyll e Mr. Hyde

E anche oggi a Lipari. abbiamo passato la giornata in una caletta meravigliosa. Peccato però che il piccoletto era ancora molto, molto febbricitante. Tutto il giorno bollente, con aggiunta di cagotto liquido. Però è tutto ok, l’abbiamo, nel pomeriggio, portato in ospedale, dove hanno detto che ha una normalissima febbre. invece, stasera volevo affrontare con voi un piccolo enigma, che, … Continua a leggere

4 Agosto

L’invasione degli unni Oggi terzo giorno a Vulcano. La sveglia è suonata alle sette. Ma mi sono accorta subito che era sveglio anche il nanerottolo col suo papà, quindi ho deciso di fare resistenza passiva e restare a letto un’altra ora. Tienanmen mi fa una pippa. Poi, una volta alzata, la notiziona: bisogna pulire tutta la barca, in vista dell’arrivo … Continua a leggere

3 agosto

3 Agosto. Secondo giorno a Vulcano. Oggi è andata un pochino meglio. La mattina siamo scesi in spiaggia e il bambino si è molto divertito e stancato, tanto che verso le undici è crollato a letto per un’ora. Io, anziché godermi quel momento di quiete, mi sono fatta venire la malaugurata idea di FARE UN DOLCE… C’erano le pesche da … Continua a leggere